Uomo nel buio

Ho letto recentemente “uomo nel buio” di Paul Auster. Il libro parla del critico letterario August Brill che, durante le notti insonni, per sfuggire ai ricordi, si racconta delle storie da lui inventate. I punti su cui mi voglio soffermare sono:

-ALLONTANAMENTO; Il libro era partito con due storie parallele; da una parte la storia di August Brill e i suoi ricordi e dall’altra la vicenda da lui inventata. A circa metà libro la seconda vicenda viene interrotta con un finale che sinceramente ho trovato abbastanza deludente.

-ELEMENTI SUPERFLUI; nel libro vi sono alcuni elementi che non c’entrano niente  con il racconto e sembrano quasi messi lì solo per riempire pagine.

-CRITICA PRINCIPALE; a questo punto qualcuno mi potrebbe rispondere: si, ok, la storia magari non è un granchè ma il libro è bello per le riflessioni che contiene. Io queste riflessioni non le ho viste, o meglio, le ho viste ma sono semplicemente abbozzate

Il mio voto è 5 che sta per “idea carina ma libro nel complesso scadente”

Uomo nel buioultima modifica: 2011-07-03T12:59:00+00:00da starwillshine
Reposta per primo quest’articolo